A.S.F.I. e ddl “concorrenza”

A.S.F.I. e ddl “concorrenza”

DDL CONCORRENZA

La posizione di A.S.F.I. alla luce del testo approvato dalle Commissioni della Camera dei Deputati in data 10 settembre 2015

 

A.S.F.I. in data 12 febbraio 2015 ebbe a esporre il proprio punto di vista circa l’intenzione del Governo di inserire nel ddl “concorrenza” per il 2015 un articolo contenente ulteriori modifiche all’assetto proprietario delle farmacie private. Il ddl venne poi approvato dal Consiglio dei Ministri in data 20 febbraio 2015.

Oggi A.S.F.I. ribadisce il proprio punto di vista già espresso col comunicato qui sotto riportato, ma non può esimersi dal prendere atto della volontà dal Governo di introdurre, quale ulteriore forma di assetto proprietario delle farmacia private, la società di capitali.

Il testo approvato in commissione presenta però, oltre a numerose contraddizioni, alcuni lati oscuri che dovranno essere affrontati in aula, a pena di licenziare un testo incomprensibile e, pertanto, soggetto ad interpretazioni estremamente soggettive, determinando così un ulteriore motivo di deregolamentazione del sistema nel suo complesso.

Quelli che dovranno essere chiariti sono soprattutto i rapporti tra società di persone e società di capitali. A.S.F.I. auspica inoltre che la responsabilità economica della gestione rimanga in capo ad un farmacista mentre non si dichiara contraria ad un ingresso di capitali in misura minoritaria. Altro punto da chiarire sono le incompatibilità e, soprattutto, come potranno essere governate qualora la proprietà della singola farmacia dovesse risultare in capo ad una società di capitali.

Tra le preoccupazioni di A.S.F.I. rimane inoltre la necessità che i requisiti dei soggetti proprietari siano equivalenti in tutte le forme di gestione.

L’auspicio di A.S.F.I. è però che il Parlamento ed il Governo si rendano conto della necessità di una revisione globale della normativa che regola il servizio farmaceutico, ora frammentaria e spesso contradditoria.

22 settembre 2015

Associazione Scientifica Farmacisti Italiani

 

 

____________________________________________________________________________

Comunicato del 12 febbraio 2015

 

Associazione Scientifica Farmacisti Italiani

COMUNICATO STAMPA del 12 febbraio 2015

L’Associazione Scientifica Farmacisti Italiani, dopo un approfondito e costruttivo dibattito all’interno del Consiglio Direttivo, ha ritenuto di diffondere il proprio punto di vista in materia di distribuzione del farmaco, in attesa che il Governo approvi il disegno di legge sulla concorrenza, annunciato per il Consiglio dei Ministri del prossimo 20 febbraio.

L’Associazione (ASFI) si dichiara contraria al mantenimento in essere di un doppio canale di distribuzione dei medicinali (farmacie e “parafarmacie”) e soprattutto ad un ampliamento della gamma di medicinali vendibili negli esercizi commerciali. L’iniziale spinta liberistica del 2006, sfociata poi nel cosiddetto “decreto Bersani” (legge 248/06), ha avuto, con l’introduzione del farmacista, un progressivo allargamento del campo d’azione delle “parafarmacie” e dei corner della GDO fino ad ottenere, con il “decreto Monti” del 2012, la possibilità di esitare tutti i medicinali veterinari, con e senza ricetta, fino anche alla possibilità di allestire preparazioni officinali che non richiedono la presentazione della ricetta medica. Ora, con la richiesta di estendere il proprio campo d’azione anche ai medicinali di classe C con obbligo di ricetta, cui seguirebbe inevitabilmente la classe A quando a carico del cittadino, si assiste alla possibile creazione di vere e proprie “farmacie non convenzionate” all’interno del comparto commerciale ed in grado di mettere in seria difficoltà le farmacie con particolare riferimento a quelle rurali. Le farmacie operano infatti non in ambito commerciale ma in quello sanitario sulla base di una concessione che, a fronte di gravi inadempienze nel servizio, può essere revocata contrariamente agli esercizi commerciali.

L’attuale sistema che regola le farmacie risulta peraltro paralizzato da una normativa ampiamente superata che blocca praticamente ogni procedura a causa della eccessiva burocratizzazione, al pari di ogni settore della vita economica e sociale del Paese che non vede ancora la semplificazione e la sburocratizzazione annunciate e mai attuate. Le procedure che negli ultimi decenni avrebbero dovuto accompagnare lo sviluppo sociale e demografico del servizio farmaceutico italiano, come la revisione delle piante organiche ed i concorsi, si sono quasi sempre arenate per motivi solo apparentemente di natura burocratica. Il recente concorso straordinario, che avrebbe dovuto terminare in tutte le regioni con l’assegnazione delle sedi entro il 25 marzo 2013, è ancora in un guado dal quale difficilmente potrà uscire, dal momento che la regione Campania non ha ancora nemmeno nominato la commissione giudicatrice.

Tenuto conto di questa, sicuramente incompleta, premessa, ASFI propone di soprassedere a qualsiasi intervento normativo estemporaneo sulla spinta di pressioni provenienti da organismi di parte anche numericamente non quantificabili, ma di porre le premesse per una revisione profonda delle procedure di istituzione di nuove farmacie, comprendenti la soppressione vera del concetto di pianta organica e del sistema basato sui concorsi. Introducendo però criteri per il rilascio dell’autorizzazione/concessione che tengano conto unicamente: 1) della distanza dalle farmacie già presenti sul territorio; 2) dei requisiti tecnico-organizzativi e dei locali da stabilirsi con decreto del Ministro della salute; 3) di una sufficiente esperienza e qualificazione professionale dei farmacisti che si accingono ad aprire una nuova farmacia.

Anche sugli aspetti di contorno, non meno importanti, ASFI ha un proprio punto di vista e si dichiara pronta a collaborare con il Governo e con gli Organi rappresentativi della categoria, per giungere ad una definizione la più condivisa possibile. Il nuovo sistema dovrebbe infatti essere accompagnato da un’altra serie di norme che permettano di giungere ad un testo in grado di sostituire completamente tutte le norme che regolano il servizio farmaceutico dal TULS del 1934 fino ad oggi.

A latere, ma non secondariamente, la riforma auspicata dovrebbe essere accompagnata da una profonda rivisitazione del sistema distributivo dei medicinali, intervenendo sulle procedure di fissazione dei prezzi dei medicinali, sulla distribuzione diretta e per conto, sui servizi da ampliare fino alla presa in carico dei pazienti cronici, con l’obiettivo di ridurre la spesa farmaceutica.

Bologna, 12 febbraio 2015                                                                           Maurizio Cini

Presidente Associazione Scientifica Farmacisti Italiani